archivio news

Unicef, “Per ogni bambino la giusta opportunità”

In occasione del 20 novembre, l’Organizzazione lancia il Rapporto sulle disuguaglianze tra i bambini nel mondo

Nonostante i grandi passi avanti fatti per ridurre la povertà e le discriminazioni, sono ancora tante, nel mondo, le disuguaglianze fra le nuove generazioni. Se tutti i bambini imparassero a leggere - rivela il rapporto Unicef "Per ogni bambino la giusta opportunità" - 171 milioni di persone in meno nel mondo vivrebbero in condizioni di povertà. Sempre secondo il rapporto, se si prevenisse la malnutrizione nella prima infanzia, i guadagni orari potrebbero aumentare di almeno il 20 per cento e i costi salariali di almeno il 48 per cento.
Presentato il 20 novembre scorso, in occasione della Giornata internazionale dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, il rapporto analizza la relazione tra l’equità e i seguenti aspetti: la violenza, la povertà, la sopravvivenza infantile, l’adolescenza, i finanziamenti, le crisi umanitarie, l’istruzione, il genere e il cambiamento climatico. Vediamone alcuni.
Riguardo al rapporto tra equità e violenza, ad esempio, i dati rivelano che, su 62 tra Paesi e regioni, quattro bambini su cinque di età compresa tra i 2 e i 14 anni sono soggetti, in casa, a qualche tipo di punizione violenta. Il paragrafo dedicato a equità e povertà mette in luce invece che i bambini nati nelle famiglie più povere hanno probabilità di morire prima del loro quinto compleanno. Quasi doppie rispetto a quelli delle famiglie più ricche.

Per scaricare il Rapporto cliccare qui

<< ARCHIVIO NEWS

Miur, oltre 800 mila gli alunni con cittadinanza non italiana

Sono quasi 815.000 gli alunni stranieri in Italia. Lo (...)

Una legge contro il cyberbullismo

Approvate in via definitiva il 17 maggio scorso le (...)

Al via il reddito di inclusione, priorità a famiglie con minori

La delega al Governo prevede il varo del reddito di (...)

archivio news