La partecipazione vista dai bambini e dai ragazzi

Un contributo dal Coordinamento Nazionale PIDIDA

A cura di Juri Pertichini – Arciragazzi

Sul tema della partecipazione dei minorenni il dibattito, le idee, gli strumenti si sono progressivamente affinati negli anni, anche se a livello italiano tutto questo rimane sullo sfondo, non diventa “sistema” nell’ambito dei contesti educativi, amministrativi, formativi (non solo dei minorenni stessi ma soprattutto di chi è impegnato nell’educazione, nell’amministrazione, nella produzione e analisi di leggi e norme). In particolare, il ritardo della situazione italiana riguarda l’organizzazione di processi non estemporanei di “concreta” considerazione di bambini e ragazzi nelle scelte che li riguardano – direttamente e indirettamente – come recita l’art. 12 della CRC.

Rimandando per approfondimenti, all’argomento specifico della partecipazione dei vari rapporti, nel 2015 una iniziativa di carattere nazionale ha provato a fare un passo in avanti, grazie alla collaborazione fra il Coordinamento per I Diritti dell’Infanzia e Dell’Adolescenza PIDIDA e l’Autorità Nazionale Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza; l’iniziativa specifica è stata coordinata da Arciragazzi Nazionale in raccordo con Unicef Nazionale che assicura il Segretariato del PIDIDA e con l’apporto dei PIDIDA Lombardia, Liguria, Veneto, Lazio, Piemonte e Sicilia.

Nell’ambito del progetto pluriennale del PIDIDA “Partecipare, Infinito Presente”, nel corso dell’anno sono stati raccolti TUTTI gli elaborati realizzati direttamente dai bambini e dai ragazzi in 15 anni di lavoro del PIDIDA, a livello sia regionale che nazionale ed è stato sintetizzato un documento unitario sul tema della partecipazione che “parte” direttamente dalle istanze, idee, richieste e proposte dei minorenni stessi.

Il documento, dal titolo “proposte dei bambini e dei ragazzi per promuovere la partecipazione”, è stato l’esito finale di numerose azioni con i bambini e i ragazzi stessi ed è stato presentato in un incontro pubblico promosso dal Garante, con l’apporto diretto di un gruppo di ragazzi/e di 6 Regioni d’Italia, lo scorso 26 Novembre 2015.

Il documento propone istanze, idee e proposte sulla partecipazione dei bambini e dei ragazzi nei seguenti ambiti:
• comuni e amministrazioni locali
• scuola
• famiglia
• associazioni e situazioni aggregative
• comunità di accoglienza e minori fuori famiglia
• inoltre, le istanze e i punti ricorrenti sono stati raccolti in un capitolo “generale”

Ciascuna delle 6 aree di cui sopra è stata elaborata secondo una metodologia desunta da un modello proposto dal Consiglio d’Europa, l’RMSOS, laddove “R” (Rights) sono i diritti che entrano in gioco nei processi partecipativi, “M” (Means) gli strumenti per attuare la partecipazione, “S” gli spazi in cui la partecipazione si esplica, “O” le opportunità da cogliere e la “S” finale il supporto che viene chiesto agli adulti.

La sintesi realizzata nel 2015 costituisce una proposta che vuole essere “operativa” per implementare il diritto alla partecipazione e all’ascolto ed è ad un tempo il coronamento di un percorso pluriennale del Coordinamento PIDIDA e il primo passo per nuove progettualità che si svilupperanno in futuro, nell’ambito di una collaborazione con l’Autorità Nazionale garante per l’infanzia che è stata sottoscritta fino al 2017.

Per scaricare il documento clicca qui

Per maggiori informazioni:
visitare l’area Partecipazione

Miur, oltre 800 mila gli alunni con cittadinanza non italiana

Sono quasi 815.000 gli alunni stranieri in Italia. Lo (...)

Una legge contro il cyberbullismo

Approvate in via definitiva il 17 maggio scorso le (...)

Al via il reddito di inclusione, priorità a famiglie con minori

La delega al Governo prevede il varo del reddito di (...)

archivio news