La CRC stabilisce il diritto del minore a «esprimere liberamente la sua opinione su ogni questione che lo interessa e le opinioni del fanciullo debbono essere debitamente prese in considerazione tendendo conto della sua età e del suo grado di maturità» (art 12 comma 1).

Ciò comporta che anche in ambito sanitario il minore debba essere informato durante il percorso di diagnosi e cura e partecipi attivamente al consenso alle cure.

 Leggi l’analisi e le raccomandazioni del Gruppo CRC sul Diritto del minore ad essere informato ed ascoltato sulla sua salute: consenso informato:

2°Rapporto Supplementare CRC 2009

3°Rapporto Supplementare CRC 2017