archivio news

Violenza: l’International NGO Advisory Council lancia un rapporto di monitoraggio ed aggiornamento

A cinque anni dalla pubblicazione dello Studio delle Nazioni Unite sulla violenza nei confronti dei minori, è stato pubblicato il Report
Five Years On: A global update on violence against children.

Il Rapporto è stato realizzato da un Comitato di indirizzo (Advisory Council) composto da 18 membri, 9 rappresentanti di ONG internazionali, e 9 rappresentanti selezionati a livello regionale da parte delle ONG nazionali e regionali, esperti del tema.

Il Comitato si è formato allo scopo di supportare e monitorare l’implementazione dello Studio delle Nazioni Unite sulla violenza nei confronti dei minori. [Nota Cfr. 1]

Il rapporto rivela come, nonostante i numerosi impegni e promesse degli Stati, milioni di bambini continuano ad essere vittime di violenza, maltrattamenti ed abusi.

Recenti studi hanno confermato che in 37 paesi in tutto il Mondo, ogni mese l’86% dei bambini dai 2 ai 14 anni subisce violenza fisica o psicologica nelle loro case, che in 78 paesi non sono ancora state vietate le punizioni corporali a scuola. Inoltre, dagli studi si evince che i bambini con disabilità sono 4-5 volte più esposti a violenza e abuso sessuale, da parte anche di coetanei. Negli Stati Uniti e nel Regno Unito, la probabilità per i bambini di essere vittime di violenze da parte degli adulti è due o tre volte maggiore rispetto agli altri Paesi. [Nota Cfr. 2]

Progressi invece si sono compiuti nell’ambito delle punizioni corporali: dal 2006 ad oggi infatti il numero di paesi che proibisce tutte le punizioni corporali nei confronti dei bambini è quasi raddoppiato da 16 a 30. Tra loro ci sono Kenya, Polonia e Tunisia (2010) e il nuovo stato del Sud Sudan (2011). Ricordiamo che l’Italia non ha ancora una Legge che proibisce espressamente le punizioni corporali in ambito familiare e che il Comitato ONU, nelle ultime Osservazioni Conclusive, ha raccomandato all’Italia di provvedere alla riforma normativa, inserendo l’esplicito divieto dell’utilizzo delle punizioni corporali nella legislazione italiana punti 34 e 35 – Osservazioni conclusive.

Le ONG membri dell’International NGO Advisory Council chiedono ai governi di attuare immediatamente le raccomandazioni dello Studio ONU 2006, vietando ogni forma di violenza contro i bambini. [Nota Cfr. 3]

- Note:
Nota 1: www.crin.org.
Nota 2: dati diffusi dal CRIN.
Nota 3: CRIN.

- Per ulteriori approfondimenti si veda anche:
Ambiente familiare e misure alternative -Abuso e maltrattamento intrafamiliare
Misure speciali per la tutela dei minori - MINORI IN SITUAZIONE DI SFRUTTAMENTO - Sfruttamento e abuso SESSUALE

<< ARCHIVIO NEWS

Al via Piano integrazione per i titolari di protezione internazionale

Il Viminale ha emanato il tanto atteso Piano (...)

Osservatorio pedofilia, Linee guida per le vittime di abusi

Lo scorso 15 settembre, nell’ambito dell’ assemblea (...)

Terza Conferenza Nazionale della Famiglia

Promossa dal Dipartimento per le politiche della (...)

archivio news