archivio news

Povertà, peggiora la situazione delle famiglie con figli minori

L’incidenza di povertà è salita nell’ultimo anno dal 15,6% al 18,3% (dal 13,5% al 15,7% se con un figlio minore, dal 16,2% al 20,1% se con due).

Ieri, 17 luglio, l’ISTAT ha lanciato il Rapporto La povertà in Italia 2012, denunciando un incremento della povertà nel nostro Paese, 9 milioni e 563mila pari al 15,8% della popolazione (13,6% nel 2011) i poveri relativi nel 2011, 4 milioni e 814mila dei quali in povertà assoluta, pari all’8% della popolazione (5,7% nel 2011).

Nel 2012, il 12,7% delle famiglie è relativamente povero (per un totale di 3 milioni 232 mila) e il 6,8% lo è in termini assoluti (1 milione 725 mila). La soglia di povertà relativa, per una famiglia di due componenti, è pari a 990,88 euro, circa 20 euro in meno di quella del 2011 (-2%).

Dal Rapporto ISTAT, si evince che il disagio economico è più diffuso se all’interno della famiglia sono presenti figli minori, l’incidenza di povertà, pari al 17,4% tra le coppie con due figli e al 29,8% tra quelle che ne hanno almeno tre, sale, rispettivamente, al 20,1% e al 28,5% se i figli sono minori. Il fenomeno, ancora una volta, è particolarmente evidente nel Mezzogiorno, dove 4 famiglie con tre o più figli minori su 10 sono povere.

Aumenti della povertà assoluta vengono registrati anche nelle famiglie di monogenitori (dal 5,8% al 9,1%) e in quelle con membri aggregati (dal 10,4% al 13,3%).

Nel Mezzogiorno peggiora la condizione delle famiglie con tre o quattro componenti, tra le quali quasi un terzo è relativamente povero; si tratta di coppie con uno (l’incidenza dal 20,5% passa al 31,3%) o due figli (dal 27,5% al 30,9%), soprattutto se minori (in particolare tra le coppie con un figlio l’incidenza dal 26% sale al 32,7%).

Leggi il Comunicato Stampa diffuso ieri dall’ISTAT

Leggi il Rapporto povertà 2012.

Il Gruppo CRC ha dedicato anche quest’anno un approfondimento al tema della povertà minorile nel 6° Rapporto CRC, raccomandando al Governo di prevedere, in sede di elaborazione delle politiche economiche e delle riforme strategiche, una valutazione dell’impatto che queste possono avere sulla popolazione da 0 a 18 anni e di definire, anche consultando le organizzazioni del Terzo Settore, di concerto con le Regioni, e al Parlamento di approvare, un Piano straordinario nazionale di contrasto alla povertà minorile, ispirato ai Principi guida delle Nazioni Unite su povertà estrema e diritti umani e tenendo conto del quadro di priorità della strategia Europa 2020.

Per leggere il 6° Rapporto CRC, CLICCA QUI

- Per ulteriori approfondimenti, si veda anche:
Povertà, 27% dei bambini, delle bambine e degli adolescenti in Europa sono a rischio
Povertà minorile, la Danimarca organizza una Conferenza sul tema
Salute e assistenza. Standard di vita. La condizione dei bambini e degli adolescenti poveri
Povertà infantile: a rischio 20 milioni di minori in Europa
Verso il 2010: Anno europeo della lotta alla povertà e all’esclusione sociale

<< ARCHIVIO NEWS

Al via Piano integrazione per i titolari di protezione internazionale

Il Viminale ha emanato il tanto atteso Piano (...)

Osservatorio pedofilia, Linee guida per le vittime di abusi

Lo scorso 15 settembre, nell’ambito dell’ assemblea (...)

Terza Conferenza Nazionale della Famiglia

Promossa dal Dipartimento per le politiche della (...)

archivio news