archivio news

Legge 94/2009: Il Presidente della Repubblica esprime perplessità e preoccupazioni

Nei giorni seguenti all’approvazione del DDL Sicurezza da parte del Senato (9 luglio 2009) molte delle principali associazioni impegnate nella tutela dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza avevano sottoscritto un appello al Presidente della Repubblica affinché valutasse adeguatamente i profili di legittimità della nuova normativa e di conformità alle norme internazionali nonché i gravi effetti negativi che si produrrebbero sulle famiglie e sui minori di origine straniera presenti in Italia.
Il 15 luglio 2009 il Presidente della Repubblica ha promulgato la Legge recante «Disposizioni in materia di sicurezza pubblica», ma ha contestualmente inviato al Presidente del Consiglio e ai Ministri dell’Interno e della Giustizia, nonché, per conoscenza, anche ai Presidenti del Senato della Repubblica e della Camera dei Deputati, una lettera in cui ha espresso “perplessità e preoccupazioni per l’insieme del provvedimento che, ampliatosi in modo rilevante nel corso dell’iter parlamentare, risulta ad un attento esame contenere numerose norme tra loro eterogenee, non poche delle quali prive dei necessari requisiti di organicità e sistematicità; in particolare si rileva la presenza nel testo di specifiche disposizioni di dubbia coerenza con i principi generali dell’ordinamento e del sistema penale vigente”.
Dal comunicato stampa diffuso dal Quirinale il giorno stesso si è appreso che il Presidente della Repubblica ha ritenuto opportuno “richiamare l’attenzione del Presidente del Consiglio e dei Ministri dell’Interno e della Giustizia per le iniziative che riterranno di assumere, anche alla luce dei problemi che può comportare l’applicazione del provvedimento in alcune sue parti”.
Il Presidente della Repubblica avrebbe inoltre ritenuto “di non poter sospendere in modo particolare l’entrata in vigore di norme, ampiamente condivise in sede parlamentare, volte ad assicurare un più efficace contrasto - anche sul piano patrimoniale e delle infiltrazioni nel sistema economico - delle diverse forme di criminalità organizzata”.

- Leggi il testo integrale della Lettera del Presidente della Repubblica

<< ARCHIVIO NEWS

Miur, oltre 800 mila gli alunni con cittadinanza non italiana

Sono quasi 815.000 gli alunni stranieri in Italia. Lo (...)

Una legge contro il cyberbullismo

Approvate in via definitiva il 17 maggio scorso le (...)

Al via il reddito di inclusione, priorità a famiglie con minori

La delega al Governo prevede il varo del reddito di (...)

archivio news