I principi generali della CRC

Il principio di non discriminazione

L’art. 2 della Convenzione sui diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza (Convention on the Rights of the Child - CRC) sancisce il principio di non discriminazione, ovvero dispone che tutti i diritti affermati nella CRC si applicano a TUTTI i bambini e bambine e ragazzi e ragazze senza alcuna distinzione.

Nelle Osservazioni Conclusive del 2003 il Comitato ONU sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza al punto 20 ha espresso “preoccupazione per il verificarsi di episodi di razzismo contro minoranze; l’utilizzo di un linguaggio violento e aggressivo in interventi pubblici; le disparità nel godimento di diritti economici e sociali, in particolare nei settori della salute, dell’assistenza sociale, dell’istruzione e delle condizioni abitative sperimentate da bambini poveri, rom, stranieri, minori non accompagnati e disabili”.
Al punto successivo ha raccomandato che l’Italia:
“(a) prenda tutte le misure appropriate, come campagne educative rivolte all’opinione pubblica per prevenire
e combattere atteggiamenti sociali negativi e promuovere l’applicazione delle raccomandazioni del Comitato sull’eliminazione della discriminazione razziale (A/56/18, par. 298/320);
(b) aumenti i propri sforzi per incriminare e applicare appropriate misure penali nei confronti di ogni atto di razzismo, discriminazione razziale, xenofobia e intolleranza;
(c) valuti con regolarità e attenzione le disparità esistenti nel godimento dei diritti da parte dei bambini e prenda, sulla base della valutazione compiuta, i provvedimenti necessari a prevenire ed eliminare la discriminazione attraverso misure efficaci;
(d ) assicuri che il processo di decentramento favorisca l’eliminazione delle disparità fra bambini dovute alla ricchezza delle Regioni di provenienza;
(e) continui a dare priorità, a destinare risorse mirate e servizi sociali ai bambini appartenenti ai gruppi sociali più vulnerabili;
(f ) studi puntualmente la situazione di bambini stranieri detenuti, assicuri loro il pieno godimento dei diritti senza discriminazione, soprattutto in merito all’istruzione, e garantisca il loro diritto all’integrazione nella società”.

Il Gruppo CRC ha monitorato lo stato di attuazione del principio di non discriminazione a partire dal 4° Rapporto CRC, riportando in questo paragrafo le considerazioni emerse nelle varie parti del Rapporto con riferimento a situazioni di discriminazione.

- Leggi l’analisi e le raccomandazioni del Gruppo CRC sul principio di non discriminazione
4° Rapporto CRC 2007-2008
2° Rapporto Supplementare CRC 2009

Approfondimento
Il Gruppo CRC ha partecipato alla 72a sessione (20-21 febbraio 2008) del CERD - il Comitato delle Nazioni Unite per l’eliminazione della discriminazione razziale, che ha esaminato il rapporto del Governo italiano sull’attuazione della Convenzione della Discriminazione Razziale. In particolare, il Gruppo CRC in sinergia con il Comitato per la promozione e protezione dei diritti umani ha tradotto in inglese e inviato come contributo al CERD un estratto del 3° Rapporto CRC evidenziando la situazione di discriminazione nei confronti dei minori stranieri e rom in Italia ed è stato presente alla Sessione con una delegazione in qualità di osservatore.

Leggi le Raccomandazioni rivolte da CERD all’Italia nel 2008 (traduzione non ufficiale a cura del Comitato per la promozione e protezione dei diritti umani).

Anche nel 2012 e nel 2016 il Gruppo CRC in sinergia con il Comitato per la promozione e protezione dei diritti umani ha inviato un contributo al CERD. Nel 2012 è stato inviato un estratto del 2° Rapporto Supplementare e dei documenti preparati per l’esame dell’Italia al Comitato ONU sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza; nel 2016 un documento ad hoc di sintesi del 9° Rapporto CRC.

Scarica il contributo del Gruppo CRC al CERD del 2012 qui
Scarica il contributo del Gruppo CRC al CERD del 2016 in italiano e inglese
Leggi le raccomandazioni rivolte dal CERD all’Italia nel 2012.

- Documenti e siti internet di riferimento sull’argomento:
Convenzione ONU sull’Eliminazione della Discriminazione Razziale ratificata dall’Italia con Legge n. 654 del 13 ottobre 1975
Comitato ONU sull’Eliminazione della Discriminazione Razziale
Convenzione ONU sull’Eliminazione della Discriminazione nei confronti delle Donne
Comitato ONU sull’Eliminazione della Discriminazione nei confronti delle Donne
Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità

- Si vedano inoltre i seguenti paragrafi:
Standard di vita: la condizione dei bambini e degli adolescenti poveri in Italia
Bambini e adolescenti, salute e disabilità
Istruzione – Il diritto all’istruzione per i bambini e gli adolescenti con disabilità
Minori stranieri
Minori coinvolti nel sistema della giustizia minorile
Minori appartenenti a minoranze etniche

Povertà educativa, ammessi 128 progetti per il bando 0-6 anni

Ammessi 128 progetti per il bando Prima Infanzia (0-6), (...)

Relazione al Parlamento della Garante

Lo scorso 16 Giugno, l’Autorità garante per l’infanzia e (...)

Nuovo Presidente e membri per il Comitato ONU

Il Comitato ONU per i Diritti dell’Infanzia e (...)

archivio news