I diritti civili e le libertà

Il diritto della partoriente a decidere in merito al riconoscimento del proprio nato ed il diritto del minore all’identità

Il Comitato ONU al punto 28 delle Osservazioni Conclusive del 2003 ha raccomandato all’Italia di:
(a) assicurare quanto più possibile il rispetto del diritto del bambino di conoscere identità dei propri genitori, sia che si tratti di un bambino adottato o di un bambino nato al di fuori del matrimonio che non sia stato riconosciuto dai genitori;
(b) rivedere e modificare urgentemente la legislazione in modo da assicurare che i bambini nati al di fuori del matrimonio abbiamo legalmente fin dalla nascita una madre […] e incoraggi il riconoscimento di questa categoria di bambini da parte dei padri […].

A partire dal 2006, il Gruppo CRC ha iniziato una riflessione volta anche ad approfondire la conoscenza della normativa italiana, organizzando anche una giornata di formazione e riflessione presso l’Istituto degli Innocenti di Firenze Diritto all’identità del minore e diritto alla segretezza del parto.

- Leggi l’analisi e le raccomandazioni del Gruppo CRC nei Rapporti di aggiornamento:
2° Rapporto Supplementare CRC 2009
6° Rapporto CRC 2012-2013
7° Rapporto CRC 2013-2014
8° Rapporto CRC 2014-2015
9° Rapporto CRC 2015-2016

Miur, oltre 800 mila gli alunni con cittadinanza non italiana

Sono quasi 815.000 gli alunni stranieri in Italia. Lo (...)

Una legge contro il cyberbullismo

Approvate in via definitiva il 17 maggio scorso le (...)

Al via il reddito di inclusione, priorità a famiglie con minori

La delega al Governo prevede il varo del reddito di (...)

archivio news