Editoriale - Diritto all’ascolto e alla partecipazione

Quality4children tradotto in italiano

Il diritto all’ascolto dei bambini in accoglienza eterofamiliare, un progetto innovativo di partecipazione

Come promuovere la partecipazione dei bambini e dei ragazzi nei nostri percorsi di accoglienza? Come attualizzare nelle nostre realtà italiane gli standard europei di Quality4Children (standard europei di qualità per i bambini accolti in affido o comunità presentati nel 2007
presso il Parlamento Europeo )?

Queste le domande che hanno promosso un percorso di ricerca azione che ha coinvolto a partire dal 2011, per 2 anni, 42 bambini e adolescenti tra i 5 e i 18 anni accolti in comunità familiari di Trento e 16 adulti tra staff di direzione ed educatori.

Il coinvolgimento dei bambini è stato ispirato dal principio di partecipazione della CRC (art. 12). Per i bambini partecipare significa essere protagonisti informati della propria vita e del proprio ambiente, poter esprimere la propria opinione, venire presi in seria considerazione dagli adulti che prendono le decisioni. Questo principio acquista un particolare rilievo nei contesti di tutela e di accoglienza, in cui la garanzia del diritto di protezione rischia di relegare ai margini dei processi decisionali degli adulti il diritto dei bambini di essere ascoltati.

Nella progettazione e realizzazione dell’intervento si è fatto riferimento a due documenti: Quality4Children e le Linee Guida ONU relative all’accoglienza eterofamiliare adottate nel dicembre 2009 dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite.

Il risultato finale è stata la costruzione di uno strumento comune che definisce quali livelli di qualità adulti e bambini vogliono perseguire nel loro reciproco percorso educativo. I bambini hanno tradotto i 18 standard europei riscrivendoli secondo il loro punto di vista integrato con quello degli adulti.

Per saperne di più e leggere gli Stardard, CLICCA QUI.

Nell’esperienza della riscrittura degli standard, ai bambini è stato chiesto di riflettere sugli aspetti negativi e positivi del loro percorso di accoglienza suggerendo alternative e miglioramenti e motivando le loro affermazioni. I bambini sono stati coinvolti gradualmente e accompagnati dai loro educatori che hanno facilitato l’espressione e la rielaborazione dei contenuti. Sono sempre stati informati degli
obiettivi del progetto: a cosa sarebbe servito e come il loro contributo sarebbe stato utilizzato.

Per i bambini e ragazzi che vivono fuori della famiglia il diritto alla partecipazione è fondamentale perché per loro è ancora più vitale poter essere ascoltati, essere presi sul serio dagli adulti, essere co-protagonisti della loro esperienza di accoglienza; sono infatti ragazzi che a 18 anni devono diventare adulti perché finisce il
loro status di minorenni e le tutele ad esso connesse. E’ necessario quindi che abbiano sperimentato percorsi di accompagnamento alla capacità di prendere decisioni, di conoscere il proprio parere e di
poterlo esprimere perché ritenuto importante. Quest’esperienza è una tappa di un cammino necessario perché i bambini e i ragazzi che vengono accolti siano protagonisti, e gli adulti che li accompagnano siano ascoltatori attenti, con un orecchio acerbo (G. Rodari), capaci di usare un linguaggio appropriato.

Bisogna usare parole bambine se uno è piccolo, quando arriva al Villaggio. Riccardo, 10 anni.

A cura di SOS Villaggi dei Bambini Onlus

_Pubblicato nella Newsletter n.59 del Gruppo CRC

Miur, oltre 800 mila gli alunni con cittadinanza non italiana

Sono quasi 815.000 gli alunni stranieri in Italia. Lo (...)

Una legge contro il cyberbullismo

Approvate in via definitiva il 17 maggio scorso le (...)

Al via il reddito di inclusione, priorità a famiglie con minori

La delega al Governo prevede il varo del reddito di (...)

archivio news