La procedura di valutazione del Comitato ONU

Al fine di valutare lo stato di attuazione della Convenzione sui diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza (Convention on the Rights of the Child - CRC) e dei Protocolli Opzionali nei Paesi per i quali è previsto l’esame (a 2 anni dalla ratifica e ogni 5 anni) il Comitato ONU si riunisce a Ginevra tre volte l’anno per un periodo di 4 settimane.

Tale valutazione si compie attraverso varie fasi:
- Per visualizzare lo Schema della procedura di valutazione dei Rapporti periodici da parte del Comitato ONU CLICCA QUI

A) FASE PRELIMINARE: il Comitato ONU riceve il Rapporto governativo e fissa la data della Sessione plenaria e conseguentemente della Pre-Sessione; non oltre due mesi prima della data fissata per la pre-sessione le ONG e le coalizioni di ONG possono inviare al Comitato ONU informazioni scritte sullo stato di attuazione della CRC (e/o dei Protocolli Opzionali) sotto forma di Rapporto alternativo o supplementare.

B) PRE-SESSIONE: il Comitato ONU incontra a porte chiuse le delegazioni di ONG e le coalizioni di ONG che hanno inviato informazioni scritte sotto forma di Rapporto alternativo o supplementare.

C) LIST OF ISSUES: a conclusione della pre-sessione, in preparazione alla Sessione plenaria, il Comitato ONU invia al Governo una lista di argomenti in forma di domande (list of issues) per avere chiarimenti in merito alle tematiche ritenute critiche.

D) WRITTEN REPLIES: il Governo deve rispondere alle domande inviate dal Comitato ONU per iscritto (written replies) e nei termini indicati dal Comitato stesso.

E) SESSIONE PLENARIA: una delegazione governativa incontra il Comitato ONU per analizzare lo stato di attuazione della CRC (e/o dei Protocolli Opzionali) nel Paese oggetto d’esame. La discussione si svolge sulla base dei documenti prodotti (quindi del Rapporto periodico governativo, dell’eventuale Rapporto Supplementare o alternativo prodotto dalle ONG, delle risposte fornite alla lista di questioni); le ONG possono essere presenti ma solo a titolo di osservatori. Dell’incontro viene redatto e reso disponibile un resoconto sommario (summary record).

F) OSSERVAZIONI CONCLUSIVE: il Comitato ONU pubblica un documento con cui rende noto il proprio parere sullo stato di attuazione
della CRC nel Paese in questione, sottolineando i progressi compiuti ed evidenziando i punti critici, invitando il governo ad intervenire
laddove non vi sia congruità, anche attraverso la richiesta esplicita di modifiche legislative.
- Per saperne di più CLICCA QUI

L’ITALIA ALL’ESAME DEL COMITATO ONU

L’esame sullo stato di attuazione della CRC in Italia

1995
11 ottobre 1994: Primo Rapporto governativo inviato al Comitato ONU;
12-16 giugno 1995: pre-sessione;
23 giugno 1995: il Comitato ONU ha inviato al Governo italiano un elenco di domande (list of issues);
6 ottobre 1995: il Governo italiano ha inviato le relative risposte scritte (written replies)
31 ottobre - 1 novembre 1995: Sessione plenaria.
- Leggi il resoconto sommario (summary record) della seduta del 31 ottobre 1995 A.M. e P.M. e del 1 novembre 1995 A.M. e P.M. (in inglese/francese):
31 ottobre 1995 A.M. e P.M.
1 novembre 1995 A.M. e P.M.
17 novembre 1995: Osservazioni Conclusive

2000-2003
21 marzo 2000: l’Italia ha presentato al Comitato ONU il Secondo Rapporto governativo;
2001: il Gruppo CRC ha inviato al Comitato ONU il Primo Rapporto Supplementare;
7 - 11 ottobre 2002: pre-sessione. Una delegazione del Gruppo CRC è stata invitata a intervenire;
11 ottobre 2002: sulla base di quanto emerso durante tale incontro il Comitato ONU ha inviato al Governo italiano un elenco di domande
(list of issues) invitando il Governo italiano a rispondere entro il 29 novembre 2002
29 novembre 2002: il Governo italiano ha inviato le proprie risposte scritte
(written replies)
16 gennaio 2003: Sessione plenaria
- Leggi il resoconto sommario (summary record)
31 gennaio 2003: Osservazioni conclusive
- Scarica la traduzione italiana non ufficiale a cura di Unicef Italia

L’esame sullo stato di attuazione dei Protocolli Opzionali in Italia

14 luglio 2004: l’Italia ha presentato al Comitato ONU il Primo Rapporto governativo sullo stato di attuazione del Protocollo Opzionale sul coinvolgimento dei minori nei conflitti armati (Rapporto governativo OPAC) e il Primo Rapporto governativo sullo stato di attuazione del Protocollo Opzionale sulla vendita, la prostituzione e la pornografia rappresentante i minori (Rapporto governativo OPSC)
maggio 2005: il Gruppo CRC ha tradotto in inglese e inviato al Comitato ONU la parte del 1° Rapporto CRC relativa allo stato di attuazione dei due Protocolli come Rapporto Supplementare.
6 ottobre 2005: pre-sessione. Una delegazione del Gruppo CRC è stata invitata a intervenire;
2 novembre 2005: è stato pubblicato l’elenco di domande (list of issues) presentate dal Comitato ONU al Governo italiano con richiesta di chiarimenti sullo stato di attuazione dell’OPSC
11 aprile 2006: il Governo italiano ha inviato le relative risposte scritte (written replies)
16 maggio 2006: Sessione d’esame (in due incontri, al mattino e al pomeriggio)
- Leggi il resoconto sommario (summary record) del primo e del secondo incontro
2 giugno 2006: Osservazioni Conclusive sul Protocollo Opzionale sul coinvolgimento dei minori nei conflitti armati e Osservazioni Conclusive Protocollo Opzionale sulla vendita, la prostituzione e la pornografia rappresentante i minori
- Scarica la traduzione italiana non ufficiale a cura di Unicef Italia

A gennaio 2009 il Governo italiano tramite il CIDU ha inviato al Comitato ONU il Terzo-Quarto Rapporto governativo.
La Sessione plenaria non è stata ancora calendarizzata.
Il Gruppo CRC sta lavorando alla redazione del Secondo Rapporto Supplementare.

Al via Piano integrazione per i titolari di protezione internazionale

Il Viminale ha emanato il tanto atteso Piano (...)

Osservatorio pedofilia, Linee guida per le vittime di abusi

Lo scorso 15 settembre, nell’ambito dell’ assemblea (...)

Terza Conferenza Nazionale della Famiglia

Promossa dal Dipartimento per le politiche della (...)

archivio news