archivio news

Diritti dell’infanzia: la Commissione Europea apre una consultazione pubblica

La Consultazione è attiva dall’11 giugno al 20 agosto 2010 ed aperta ai cittadini, agli enti pubblici e alle associazioni

Al mondo d’oggi bambini e adolescenti si trovano spesso in situazioni difficili, che usino internet, siano migranti o debbano testimoniare in giudizio. È quindi doveroso proteggerne e promuoverne i diritti. Sono impaziente di sentire cosa propongono tutte le parti interessate per tutelare al meglio gli interessi e i diritti dei minori. Questa la dichiarazione di Viviane Reding, Commissaria europea per il portafoglio Giustizia, diritti fondamentali e cittadinanza, al lancio della consultazione pubblica della Commissione Europea su una nuova strategia dell’UE che riguarda i diritti dei bambini, delle bambine, e degli adolescenti europei.

L’attività fa parte della comunicazione "Verso una strategia dell’Ue sui diritti dei minori", adottata il 4 luglio 2006 dalla Commissione Europea per promuovere e salvaguardare efficacemente i diritti dei minori nelle politiche interne ed esterne dell’Unione europea.

Obiettivo della consultazione è rendere più efficaci le politiche dell’UE nel promuovere i diritti dei minori, migliorare la strategia e trovare nuove azioni in grado di rilanciarla per il periodo 2011-2014. A tal fine, la Commissione Europea ha ritenuto importante attingere all’esperienza dei cittadini, delle organizzazioni, associazioni, organi, istituzioni ed esperti che lavorano con i minori a partire dal territorio fino ai livelli internazionali.

La consultazione esplora tematiche specifiche, individuate da operatori attivi nell’ambito del Forum europeo per i diritti dei minori: la giustizia a misura di minore e la partecipazione dei minori al sistema giudiziario, le politiche della giustizia a tutela dei diritti dei minori (ad esempio nell’ambito della mediazione familiare), la protezione di categorie vulnerabili di minori (vittime di violenza, sfruttamento sessuale e tratta, o minori che vivono in povertà); la partecipazione dei minori all’elaborazione delle politiche che li riguardano. [Cfr Nota 1]

Per partecipare alla consultazione:
- Se rappresenti un’associazione CLICCA QUI;
- Se rappresenti un ente pubblico, invia una mail a JLS-CHILDREN-RIGHTS@ec.europa.eu – Oggetto della mail: Consultation on the European Commission’s Communication on the Rights of the Child (2011-2014) - public authority;
- Se sei un cittadino scrivi una mail a JLS-CHILDREN-RIGHTS@ec.europa.eu – Oggetto della mail: Consultation on the European Commission’s Communication on the Rights of the Child (2011-2014) - citizen

La Commissione pubblicherà una relazione di sintesi di tutti i contributi e si servirà degli esiti della consultazione per redigere una nuova comunicazione sui diritti dei minori per il periodo 2011-2014.[Cfr Nota 1].

Inoltre, la Commissione sta svolgendo uno studio specifico che sarà pubblicato ad ottobre, finalizzato a ottenere un contributo da parte dei minori stessi, anche nell’ambito di gruppi di riflessione (focus group).

Per maggiori informazioni CLICCA QUI

Per leggere il Questionario CLICCA QUI

- Note:
Nota 1: fonte Comunicato Stampa diffuso dalla Commissione Europea

- Per ulteriori approfondimenti, si vedano anche:
- Principi generali della CRC
- Principi generali della CRC
- Archivio news

<< ARCHIVIO NEWS

Al via Piano integrazione per i titolari di protezione internazionale

Il Viminale ha emanato il tanto atteso Piano (...)

Osservatorio pedofilia, Linee guida per le vittime di abusi

Lo scorso 15 settembre, nell’ambito dell’ assemblea (...)

Terza Conferenza Nazionale della Famiglia

Promossa dal Dipartimento per le politiche della (...)

archivio news