archivio news

DDL Sicurezza: il Consiglio Superiore della Magistratura rileva violazioni della CRC

Il 10 giugno 2009 il Consiglio Superiore della Magistratura (CSM) ha espresso un parere sul DDL Sicurezza, in cui si afferma che:

“L’art. 6, comma 2, T.U. immigrazione, come modificato dall’art. 45, lett. f [n.d.r. art. 1, comma 22, lett. g, Legge 94/2009], richiede, ai fini della dichiarazione di nascita, l’esibizione all’ufficio dello stato civile del permesso di soggiorno di chi la opera. Ciò, come segnalato in una nota 30 aprile 2009 della Associazione magistrati per i minorenni e la famiglia, si pone «in contrasto con il diritto della persona minore di età alla propria identità personale e alla cittadinanza da riconoscersi immediatamente al momento della sua nascita (art. 7 della Convenzione sui diritti del fanciullo approvata a New York il 20 novembre 1989 e ratificata dall’Italia con legge del 27 maggio 1991 n. 176) determinando una iniqua condizione del figlio di genitori stranieri non regolari nel nostro territorio», con la conseguenza che lo stesso non solo «verrebbe privato della propria identità ma potrebbe essere più facilmente esposto ad azioni volte a falsi riconoscimenti da parte di terzi, per fini illeciti e in violazione della legge sull’adozione»”.

- Leggi tutto il parere del CSM sul DDL SICUREZZA

<< ARCHIVIO NEWS

Miur, oltre 800 mila gli alunni con cittadinanza non italiana

Sono quasi 815.000 gli alunni stranieri in Italia. Lo (...)

Una legge contro il cyberbullismo

Approvate in via definitiva il 17 maggio scorso le (...)

Al via il reddito di inclusione, priorità a famiglie con minori

La delega al Governo prevede il varo del reddito di (...)

archivio news